Notizia
realtà virtuale

Protesi a blocchi di zirconio: tutto quello che devi sapere

Marzo 19, 2024
Protesi a blocchi di zirconio: tutto quello che devi sapere

Schema dell'articolo

Cosa sono i blocchi di zirconio?

Dove viene utilizzato?

Come vengono realizzati i blocchi di zirconio?

Applicazione del blocco di zirconio nel restauro odontoiatrico

Quale blocco di zirconio è il migliore?

Quali sono i pro e i contro della zirconia?

Finalmente: domande frequenti


1. Cosa sono i blocchi di zirconio?

La zirconia (ZrSiO4) è un minerale appartenente alla classe dei silicati, ciò si traduce in caratteristiche positive come l'elevata resistenza alla flessione (>1400 MPa*), durezza (1200 HV*) e un modulo Weibull di 15,84*.

I blocchi di zirconio sono un tipo di materiale ceramico utilizzato in odontoiatria per costruire corone, ponti e impianti dentali. Sono inoltre altamente biocompatibili, non tossici e durevoli, il che li rende ideali per le protesi dentali. I blocchi di zirconio sono disponibili in una varietà di tonalità per adattarsi al colore naturale dei denti.

La zirconio, o biossido di zirconio, è utilizzata da molti anni in vari settori grazie alle sue eccellenti proprietà meccaniche. Tuttavia, il suo percorso in odontoiatria, in particolare sotto forma di blocchi di zirconio, è stato relativamente recente e può essere riassunto come segue:


Fine del XX secolo
La zirconia iniziò ad essere utilizzata per la prima volta in odontoiatria alla fine del XX secolo. Inizialmente veniva utilizzato sotto forma di nuclei di zirconio per corone dentali, che venivano stratificati con porcellana per ottenere i risultati estetici desiderati.
Primi anni 2000
Con il progresso della tecnologia CAD/CAM, la zirconia ha iniziato ad essere utilizzata più ampiamente in odontoiatria. Cominciò ad apparire la prima generazione di restauri monolitici (completamente solidi) in zirconio, che fornivano una soluzione resistente e biocompatibile.
Metà degli anni 2000
L'introduzione di blocchi di zirconio colorato ha consentito restauri dall'aspetto più naturale. Questi blocchi sono stati precolorati per adattarsi ai diversi colori dei denti naturali.
Dalla fine degli anni 2000 all'inizio degli anni 2010
L'introduzione di blocchi di zirconio ad alta traslucenza ha fornito risultati estetici ancora migliori, simili a quelli dei tradizionali restauri in porcellana. Questi blocchi hanno permesso a più luce di passare attraverso il restauro, conferendogli un aspetto più naturale.

Oggi: oggi sono disponibili blocchi di zirconio multistrato, che presentano diversi livelli di colore e traslucenza all'interno dello stesso blocco. Questi blocchi possono fornire risultati altamente estetici che imitano fedelmente l’aspetto dei denti naturali.

Lo sviluppo dei blocchi di zirconio ha rivoluzionato l’odontoiatria restaurativa, fornendo un’opzione che combina resistenza, biocompatibilità ed estetica. Poiché la tecnologia continua ad avanzare, possiamo aspettarci di vedere ulteriori miglioramenti nelle proprietà e nelle applicazioni della zirconia in odontoiatria.


2. Dove viene utilizzato?

Oltre alla sua elevata resistenza, la zirconia è completamente biocompatibile. Ecco perché viene sempre più utilizzato in campo medico (protesi uditive, delle dita e dell'anca) e odontoiatrico (perni, corone, restauri di ponti, impianti). Nell'industria viene utilizzato già da più di 30 anni. Il colore bianco di base della zirconio, la possibilità di colorare i colori della dentina e le sue caratteristiche biotecnologiche consentono la produzione di ricostruzioni dentali e implantari biocompatibili, di alta qualità ed estetiche.

Ecco alcune delle aree chiave in cui la zirconia trova applicazioni:

Odontoiatria: la zirconia è ampiamente utilizzata in odontoiatria per scopi restaurativi e protesici. Viene utilizzato per fabbricare corone, ponti, monconi implantari e persino protesi supportate da impianti per arcata completa. Le eccellenti proprietà meccaniche, la biocompatibilità e l'aspetto del colore del dente della zirconio ne fanno una scelta popolare nei moderni trattamenti dentistici.

Industria della ceramica e del vetro: la zirconio è ampiamente utilizzata nell'industria della ceramica per la produzione di componenti ceramici ad alte prestazioni. Viene utilizzato nella produzione di coltelli in ceramica, mezzi di macinazione, utensili da taglio e componenti resistenti all'usura. Nell'industria del vetro, la zirconio viene utilizzata come materiale refrattario nei rivestimenti e nei crogioli dei forni di vetro.

Aerospaziale e difesa: l'eccezionale robustezza, la resistenza alle alte temperature e la bassa conduttività termica della zirconia la rendono preziosa nelle applicazioni aerospaziali e della difesa. Viene utilizzato come rivestimento barriera termica nelle pale delle turbine, nei componenti del motore e negli scudi termici. Le ceramiche a base di zirconio vengono impiegate anche nelle armature balistiche e negli scudi protettivi.

Biomedica e sanitaria: la zirconio viene utilizzata in applicazioni biomediche come protesi dell'anca, impianti dentali e strumenti medici. La sua biocompatibilità e resistenza alla corrosione lo rendono un materiale ideale per l'impianto a lungo termine nel corpo umano. I materiali a base di zirconio vengono utilizzati anche nelle apparecchiature di imaging medicale, come i componenti degli scanner a raggi X e TC.

Materiali da fonderia e refrattari: la zirconio viene utilizzata nelle fonderie come materiale per stampi grazie alla sua capacità di resistere alle alte temperature e agli shock termici. Viene utilizzato anche in materiali refrattari per il rivestimento di forni, forni e inceneritori dove è richiesta un'elevata resistenza termica.

In sintesi, la zirconia trova applicazioni nell’odontoiatria, nell’industria della ceramica e del vetro, nell’aerospaziale e nella difesa, nella biomedicina e nella sanità, nonché nella fonderia e nei materiali refrattari. La sua versatilità, robustezza, resistenza alle alte temperature, biocompatibilità e proprietà elettriche contribuiscono alla sua vasta gamma di usi in diversi settori.


3. Come vengono realizzati i blocchi dentali in zirconio?


I blocchi di zirconio, utilizzati per restauri dentali, vengono prodotti attraverso un processo complesso che prevede diverse fasi. Ecco una panoramica generale del processo:

1. Preparazione della materia prima: il processo inizia con la selezione del minerale di zirconio grezzo, che viene poi sottoposto a una serie di processi di purificazione. Lo zirconio purificato viene combinato con l'ossigeno per formare biossido di zirconio (ZrO2) o zirconio, l'elemento base dei blocchetti di zirconio.

2. Preparazione della polvere: il biossido di zirconio viene quindi trasformato in una polvere fine e miscelato con vari stabilizzanti, spesso ossido di ittrio (Y2O3). La miscelazione con stabilizzanti impedisce alla zirconia di passare ad una forma cristallina meno stabile a temperatura ambiente.

3. Pressatura isostatica: la miscela di polvere di zirconio viene quindi posizionata in uno stampo di gomma e sottoposta a pressatura isostatica. Questo processo prevede l'applicazione della stessa pressione da tutte le direzioni, ottenendo un "corpo verde" cilindrico e uniformemente denso di zirconia.

4. Pre-sinterizzazione: Il "corpo verde" viene riscaldato in un forno di sinterizzazione a una temperatura più bassa (circa 1000°C - 1100°C). Questo processo conferisce al blocco di zirconio la sua solidità iniziale, ma rimane leggermente poroso e può essere facilmente fresato nella forma desiderata.

5. Fresatura: il blocco di zirconio presinterizzato è ora pronto per essere fresato nella forma desiderata di un restauro dentale utilizzando la tecnologia CAD/CAM. Il software CAD/CAM progetta il restauro sulla base delle impronte digitali della bocca del paziente e la fresatrice ritaglia il restauro dal blocco di zirconio.

6. Colorazione (opzionale): prima della sinterizzazione finale, se lo si desidera, il restauro può essere colorato con liquidi coloranti speciali. Il colore penetra nella struttura leggermente porosa della zirconia presinterizzata.

7. Sinterizzazione finale: il restauro fresato viene sottoposto a un processo di sinterizzazione finale ad alta temperatura. Questo passaggio conferisce alla zirconia la sua durezza e densità finali, riducendo il restauro alla sua dimensione finale.

8. Glasatura e lucidatura: dopo la sinterizzazione, il restauro viene lucidato e, se necessario, glasato per migliorare l'estetica e fornire una superficie liscia che riduce al minimo l'accumulo di placca.

Ricorda, l'intero processo deve mantenere rigorosi standard di controllo qualità. La qualità della materia prima, la precisione in ogni fase di lavorazione e l'attenzione generale ai dettagli contribuiscono alla qualità e alle prestazioni del blocco di zirconio finale.


4. Applicazione del blocco di zirconio nel restauro odontoiatrico


I blocchi di zirconio (biossido di zirconio) sono ampiamente utilizzati nei restauri dentali grazie alla loro elevata resistenza, eccellente durata e qualità estetiche favorevoli. Ecco alcune delle principali applicazioni in dettaglio:

Corone dentali: una corona è un "cappuccio" a forma di dente che viene posizionato sopra un dente per ripristinarne la forma, le dimensioni, la resistenza e migliorarne l'aspetto. Le corone in zirconio sono note per la loro resistenza superiore e durata a lungo termine, che le rendono adatte anche per aree ad alto stress come i molari. La zirconia può essere colorata per adattarsi al colore dei denti naturali, facendo sì che le corone si fondano perfettamente nella bocca del paziente.

Ponti: Un ponte è una protesi utilizzata per sostituire uno o più denti mancanti. È ancorato su entrambi i lati da una corona su un dente naturale o su un impianto. Data la sua elevata resistenza alla frattura e tenacità, la zirconia è un materiale eccellente per i ponti, che devono resistere alle forze del morso e della masticazione.

Monconi implantari: i monconi sono i componenti che collegano l'impianto dentale al dente artificiale. La zirconio viene spesso utilizzata come materiale per gli abutment grazie alla sua eccellente biocompatibilità e qualità estetiche.

Impiallacciature: anche se meno comune della porcellana per questa applicazione, in alcuni casi la zirconia può essere utilizzata per le faccette. Le faccette sono gusci sottili che vengono incollati sulla superficie anteriore dei denti e le faccette in zirconio sono ben tollerate e possono offrire un elevato grado di estetica.

Intarsi e onlay: la zirconia può essere fresata con precisione per creare intarsi e onlay, che sono restauri indiretti utilizzati per trattare la carie o altri danni strutturali. Offrono una buona soluzione intermedia tra otturazioni e corone.

Restauri dell'intera arcata: per i pazienti che necessitano di sostituire tutti i denti nella mascella superiore o inferiore, è possibile utilizzare la zirconia ad alta resistenza per creare protesi dell'intera arcata.

Per realizzare questi restauri, i professionisti del settore dentale utilizzano la tecnologia CAD/CAM (Computer-Aided Design/Computer-Aided Manufacturing). La tecnologia CAD/CAM consente la progettazione digitale e la fresatura diretta di restauri in zirconio, sia in un laboratorio odontotecnico o, in alcuni casi, direttamente nello studio dentistico, fornendo un metodo rapido e accurato per la creazione di restauri di alta qualità.


5. Quale blocchetto di zirconio è il migliore?


Quando si sceglie un blocco di zirconio per restauri dentali, è necessario prendere in considerazione diversi fattori:

1. Biocompatibilità: la biocompatibilità della zirconio è eccezionale. Essendo un materiale inerte, non interagisce chimicamente con l'organismo né provoca una risposta immunitaria. Ciò riduce il rischio di infiammazione, reazioni allergiche o rigetto, promuovendo tessuti gengivali più sani attorno al restauro. La sua bassa conduttività termica riduce anche la sensibilità al caldo e al freddo. Inoltre, la superficie liscia della zirconia scoraggia l'accumulo di placca, riducendo il rischio di malattia parodontale.

2. Proprietà meccaniche: la resistenza e la tenacità della zirconia sono tra le più elevate tra tutti i materiali ceramici, proteggono dalle fratture e aumentano la durata. Diversi tipi di zirconia (3Y-TZP, 4Y-PSZ, 5Y-PSZ) offrono diverse proprietà meccaniche: 3Y-TZP ha la massima resistenza e tenacità, spesso utilizzata per corone e ponti posteriori; 4Y-PSZ e 5Y-PSZ offrono una migliore traslucenza per restauri anteriori ma con una resistenza leggermente inferiore.

3. Estetica: il colore e la traslucenza della zirconia possono essere molto simili allo smalto dei denti naturali, fornendo risultati estetici superiori. La zirconia ad elevata traslucenza è disponibile per restauri anteriori in cui l'estetica è fondamentale. Tuttavia, ottenere un abbinamento perfetto richiede abilità e abilità artistica da parte dell’odontotecnico, poiché l’opacità della zirconia può rappresentare una sfida nel fondersi perfettamente con i denti naturali circostanti.

4. Preparazione dentale: i restauri in zirconio richiedono una riduzione minima dei denti, preservando maggiormente la struttura naturale del dente e promuovendo la salute orale. Questa preparazione conservativa rappresenta un vantaggio significativo, soprattutto per i pazienti la cui struttura dentale è già compromessa. Tuttavia, la preparazione deve essere precisa per garantire un adattamento corretto del restauro in zirconio.

5. Longevità: i restauri in zirconio possono durare per molti anni grazie alla loro elevata resistenza e resistenza alla frattura. La longevità dei restauri in zirconio è influenzata anche dalle abitudini di igiene orale del paziente, dalle forze occlusali (forze esercitate durante il morso e la masticazione) e dall'accuratezza della fabbricazione e della cementazione del restauro. Controlli dentistici regolari sono fondamentali per monitorare le condizioni del restauro e intervenire ai primi segnali di qualsiasi problema.

6. Abilità ed esperienza del dentista: il successo dei restauri in zirconio dipende in larga misura dall'abilità e dall'esperienza del dentista. Il dentista deve preparare accuratamente il dente, prendere impronte precise e garantire un adattamento e una cementazione adeguati. Inoltre, il dentista deve comprendere le proprietà della zirconia e come lavorarla in modo ottimale. Ciò include la conoscenza dei diversi tipi di zirconia e delle loro applicazioni, la risoluzione di eventuali problemi e la fornitura ai pazienti di consigli adeguati su come prendersi cura dei loro restauri in zirconia.


La scelta del "miglior" blocco di zirconio dipende in gran parte dalle esigenze specifiche del caso dentale, considerando fattori quali il tipo di restauro, la posizione in bocca, i requisiti estetici e le condizioni orali del paziente. Ecco uno sguardo più approfondito ad alcuni dei migliori blocchi di zirconio disponibili:

IPS e.max ZirCAD di Ivoclar Vivadent: Questo sistema in zirconio dispone di una gamma di blocchi con diversi livelli di traslucenza e resistenza per adattarsi a varie situazioni cliniche. IPS e.max ZirCAD MT Multi, ad esempio, vanta una transizione graduale di colore e traslucenza, portando a risultati altamente estetici. IPS e.max ZirCAD Prime offre invece una resistenza eccezionale ed è adatto per restauri posteriori monolitici e anatomici. I blocchi di Ivoclar Vivadent sono sottoposti a un processo rigoroso per garantire un elevato livello di qualità e consistenza.

Zirconia Lava™ di 3M: Lava Zirconia è riconosciuta per la sua robustezza e durata, che la rendono una scelta eccellente per restauri posteriori. Questo blocchetto ha eccellenti proprietà di fresatura, che consentono restauri precisi e ben adattati. Offre un equilibrio tra estetica e resistenza, con una fluorescenza naturale simile a quella del dente e una varietà di opzioni di tonalità per un abbinamento con il colore naturale dei denti.

Le soluzioni YZ di VITA: VITA offre una vasta gamma di blocchetti in zirconio, tra cui VITA YZ HT per un'elevata traslucenza e VITA YZ ST per una resistenza extra. Questi blocchi sono versatili e offrono un'estetica eccellente. I blocchetti possono essere utilizzati monoliticamente o rivestiti con ceramica VITA compatibile.

Prettau® e ICE Zirkon di Zirkonzahn: Conosciuti per la loro resistenza ed estetica eccezionali, questi blocchi sono spesso utilizzati per restauri dell'intera arcata e in aree con elevato carico masticatorio. La zirconia Prettau è completamente priva di metalli, altamente biocompatibile e resistente alla placca, il che la rende comoda e sicura per i pazienti.

Zirconia KATANA™ di Kuraray Noritake: La zirconia KATANA è unica per la sua struttura multistrato con traslucenza variabile, che imita la gradazione naturale di un dente. Ciò lo rende particolarmente adatto per restauri anteriori, dove le esigenze estetiche sono elevate. I blocchi KATANA sono disponibili in una gamma di livelli di traslucenza e profondità di colore per soddisfare le diverse esigenze.

Ciascuno di questi blocchi ha i suoi punti di forza e considerazioni unici. La decisione finale dovrebbe tenere conto delle esigenze specifiche del caso dentale, compreso il tipo e la posizione del restauro, l'esperienza e le preferenze del dentista, la compatibilità con il sistema di fresatura in uso e le implicazioni in termini di costi. Consultarsi sempre con un dentista o un laboratorio odontotecnico per fare la scelta più adatta.


Bonus: Yucera

Oltre ai fornitori di materiali e apparecchiature dentali precedentemente menzionati, Yucera è diventato anche un attore notevole nel settore, offrendo caratteristiche uniche che lo distinguono dagli altri marchi. Yucera si concentra sulla fornitura di soluzioni dentali digitali a basso costo ma di alta qualità, rendendola un'opzione interessante per gli acquirenti attenti ai costi e alla qualità.

1. Elevata resistenza e durata: una delle caratteristiche distintive della zirconia Yucera è la sua elevata resistenza. Presenta un'eccellente resistenza alla frattura, che lo rende adatto per restauri dentali, soprattutto in aree ad alto stress come i molari. La durabilità di questo materiale fa sì che, con una corretta igiene orale, i restauri possano durare per molti anni. L'attenzione di Yucera nella produzione di blocchi di zirconio di alta qualità contribuisce alla resistenza e alla durata dei restauri finali.

2. Estetica: la zirconia Yucera offre risultati estetici superiori. Il suo colore naturale e la sua traslucenza, simili a quelli dei denti, aiutano a creare restauri che si fondono perfettamente con i denti naturali circostanti. Yucera fornisce diversi tipi di blocchi di zirconio, comprese opzioni altamente traslucide per restauri anteriori, dove l'estetica è fondamentale. I blocchi di zirconio multistrato di Yucera hanno una gradazione di colore integrata, fornendo restauri realistici ed esteticamente gradevoli.

3. Biocompatibilità: la biocompatibilità della zirconia è uno dei suoi vantaggi più significativi e la zirconia Yucera non fa eccezione. Essendo un materiale inerte, non interagisce con il corpo, riducendo il rischio di reazioni allergiche o infiammazioni. Scoraggia inoltre l'accumulo di placca, promuovendo tessuti gengivali più sani attorno al restauro. Questa biocompatibilità rende la zirconia Yucera una scelta sicura per i pazienti, contribuendo al successo complessivo e alla longevità dei restauri dentali.




Colore multistrato a 8 strati

Pendenza dal 43% al 57% per la trasparenza

La forza mostra un gradiente da 700 MPa a 1200 MPa

Adatto per ponti anteriori, corone e 14 unità

      
Colore multistrato a 6 strati

Pendenza dal 43% al 57% per la trasparenza

La forza mostra un gradiente da 700 MPa a 1050 MPa

Adatto per ponti anteriori, corone e 7 unità

    

Colore multistrato

Non sono necessarie ulteriori operazioni di tintura

Adatto per anteriori, corone e ponti

      

Tecnica pre-ombreggiata

Colore uniforme

Senza processo di post tintura

Adatto per corone, ponti e anteriori a contorno completo

      

Alta traslucidità

Eccezionale resistenza alla flessione e blocco economico

Adatto per cappette, strutture

       

Super traslucido

Adatto per corone, ponticelli e anteriori completamente anatomici

      

Blocco di zirconia multistrato, blocco di zirconia bianca, blocco di zirconia colorata

Le definizioni, le differenze e le applicazioni di questi tre.

1. Blocchi di zirconio multistrato:

I blocchi di zirconio multistrato sono un tipo di blocco di zirconio progettato con strati di colore e traslucenza variabili, imitando il gradiente naturale di un dente dallo smalto più traslucido alla dentina più scura. Ciò si traduce in un restauro esteticamente più gradevole e dall’aspetto naturale. La gradazione di traslucenza e colore si ottiene durante il processo di produzione in cui diversi strati di polvere di zirconio, ciascuno con una tonalità o un livello di traslucenza diversi, vengono pressati insieme e quindi sinterizzati. Sono spesso utilizzati nei restauri anteriori dove l'estetica è molto importante.

2. Blocchi di zirconio bianco:

I blocchi di zirconia bianca, noti anche come blocchi di zirconia monolitici o non colorati, sono costituiti da una zirconia bianca altamente pura e di colore uniforme. Questi blocchi forniscono resistenza e durata eccezionali ma non hanno l'aspetto naturale della zirconia multistrato o colorata. Possono comunque essere colorati dopo la fresatura ma prima della sinterizzazione finale utilizzando liquidi coloranti. Questi vengono spesso utilizzati quando la resistenza è la preoccupazione principale, come nelle corone o nei ponti posteriori.

3. Blocchi di zirconio colorati:

I blocchi di zirconio colorati sono simili ai blocchi di zirconio bianco, ma vengono precolorati durante il processo di produzione per adattarsi alle varie tonalità dei denti naturali. Forniscono un buon equilibrio tra estetica e resistenza, anche se potrebbero non raggiungere lo stesso livello di gradazione estetica della zirconia multistrato. Questi blocchi sono utili quando per il restauro è necessaria una tonalità di dente specifica e il colore è uniforme in tutto il blocco.

In termini di applicazioni, tutti e tre i tipi di blocchi di zirconio possono essere utilizzati per un’ampia gamma di restauri, tra cui corone, ponti, faccette e abutment su impianti. La scelta tra loro spesso dipende dalle esigenze specifiche del paziente, dalla posizione del restauro in bocca e dalle preferenze del dentista e del paziente in termini di estetica e resistenza.


6. Quali sono i pro e i contro della zirconia?


La zirconia, soprattutto in odontoiatria, offre numerosi vantaggi ma presenta anche alcuni potenziali inconvenienti.

Pro della zirconio:

Estetica: può essere colorato e smaltato per adattarsi al colore dei denti naturali, fornendo un risultato altamente estetico.

Biocompatibilità: la zirconio è un materiale biocompatibile, ovvero non è dannoso o tossico per i tessuti viventi.

Cad&Cam: I processi di progettazione e produzione assistiti da computer forniscono ai pazienti un adattamento preciso, riducendo così il tempo alla poltrona necessario per regolare e cementare questi restauri.

Forza e durata: la zirconia è molto forte e resistente alle crepe e alle fratture, garantendo così longevità ai restauri dentali.

Meno rimozione del dente: grazie alla sua resistenza, i restauri in zirconia richiedono la rimozione di meno struttura del dente rispetto ad altri materiali.

Contro della zirconio:

Gli svantaggi delle corone in zirconio sono minimi. La tenacità del materiale ha sollevato alcune preoccupazioni sull'attrito contro la radice del dente e sull'usura dei denti opposti. Tuttavia, controlli frequenti aiutano a ridurre la possibilità di danneggiare i denti antagonisti. Inizialmente, per le corone in zirconio si potevano produrre solo sottostrutture bianco osso, creando talvolta problemi nel raggiungimento di un aspetto esteticamente perfetto.


Come si confronta il processo di invecchiamento della zirconio e la conseguente perdita di resistenza con la normale metallo-ceramica?


Il processo di invecchiamento della zirconia, noto anche come degradazione a bassa temperatura (LTD) o "malattia della zirconia", è stato argomento di interesse e ricerca nella comunità dentale. Questo fenomeno si verifica quando la struttura cristallina della zirconia si trasforma dalla fase tetragonale alla fase monoclina, il che può portare a microfessurazioni e al potenziale degrado della resistenza. Di solito è innescato dall'umidità e dal calore nel tempo.

 

Tuttavia, nel contesto dei restauri dentali, è necessario chiarire l’impatto della LTD sulle prestazioni cliniche della zirconia. Alcuni studi hanno suggerito che l’ambiente in vivo (temperatura, umidità) potrebbe non essere abbastanza severo da provocare una LTD significativa durante la vita del restauro. Inoltre, i produttori di prodotti dentali hanno sviluppato zirconia ad alta traslucenza con predominanza della "fase cubica", che secondo quanto riferito mostra una migliore resistenza alla LTD.

 

Al contrario, le comuni ceramiche metalliche (note anche come restauri in porcellana fusa su metallo o PFM) non subiscono lo stesso tipo di processo di invecchiamento. Invece, la loro longevità può essere influenzata da altri fattori, come la scheggiatura o l’usura della porcellana, la corrosione della sottostruttura metallica o il degrado marginale, che portano a carie secondarie o malattie parodontali.

 

Confrontando la forza:

Zirconia: anche con una potenziale LTD, i restauri in zirconia sono incredibilmente resistenti, con resistenze alla flessione che in genere vanno da 500 a 1200 MPa, a seconda del tipo e della marca della zirconia. La sua elevata resistenza lo ha reso il materiale preferito per corone e ponti posteriori, che devono resistere a forze di morso significative.

Metallo-ceramica: i restauri in metallo-ceramica hanno resistito alla prova del tempo con una storia ben documentata di durabilità e longevità. La resistenza alla flessione della porzione ceramica è molto inferiore a quella della zirconia (circa 90-100 MPa), ma la sottostruttura metallica di supporto fornisce la resistenza necessaria per il restauro.

 

In conclusione, sia la zirconia che la metallo-ceramica hanno i loro pro e contro e la scelta tra le due dipenderà da vari fattori come la posizione del restauro, considerazioni estetiche, i costi e le preferenze del dentista. La zirconia contemporanea, con i progressi nelle tecniche di produzione e nelle proprietà dei materiali, offre un'alternativa affidabile ed estetica alla tradizionale ceramica metallica. Tuttavia, è sempre importante ricordare che il successo del restauro dentale implica non solo la scelta del materiale ma anche un'adeguata pianificazione, preparazione, realizzazione e manutenzione del trattamento.

 

Confronto estetico Zirconia/Metallo Ceramica

 

L’estetica dei restauri dentali gioca un ruolo cruciale nella soddisfazione e nell’accettazione del paziente. Sia la zirconia che la ceramica metallica, o porcellana fusa su metallo (PFM), sono materiali comunemente usati nei restauri dentali. Ecco un confronto delle loro qualità estetiche:

 

Zirconia:

Traslucenza: uno dei principali vantaggi estetici della zirconia è la sua trasparenza. La zirconia può essere realizzata per imitare fedelmente la traslucenza dei denti naturali, in particolare la zirconia ad alta traslucenza. Ciò è particolarmente vantaggioso nei restauri anteriori dove le esigenze estetiche sono elevate.

Abbinamento del colore: la zirconia può essere abbinata al colore dei denti naturali del paziente e i blocchi di zirconia multistrato offrono anche un colore sfumato che imita il dente naturale dalla zona cervicale a quella incisale.

Senza metallo: i restauri in zirconio sono privi di metallo e quindi evitano il margine metallico scuro che a volte può essere visibile nei casi di recessione gengivale con PFM. Forniscono anche una soluzione per i pazienti con sensibilità ai metalli.

 

Ceramica metallica (porcellana fusa su metallo o PFM):

Estetica della porcellana: la parte in porcellana dei restauri PFM può essere esteticamente gradevole grazie alle sue proprietà di colore e trasparenza.

Sottostruttura metallica: la sottostruttura metallica nei PFM a volte può influire sull'estetica del restauro. Lo strato opaco utilizzato per mascherare il metallo può limitare la traslucenza del restauro. In caso di recessione gengivale o biotipo gengivale sottile, il margine metallico potrebbe diventare visibile, causando una colorazione grigiastra sul bordo gengivale.

Abbinamento dei colori: mentre il colore della porcellana può essere abbinato ai denti naturali, creando un restauro dall'aspetto naturale, la presenza della sottostruttura metallica potrebbe richiedere più strati di porcellana da nascondere, influenzando l'abbinamento dei colori e la traslucenza.

 

In sintesi, mentre sia la zirconia che la ceramica metallica possono produrre risultati esteticamente gradevoli, la zirconia spesso ha un vantaggio grazie alla sua trasparenza, alla capacità di imitare il colore naturale del dente e all’assenza di una sottostruttura metallica. Tuttavia, il risultato estetico finale può dipendere in modo significativo anche dalle competenze del dentista e dell'odontotecnico, dalla qualità della preparazione e dell'impronta, nonché dalle condizioni orali e dalle aspettative estetiche specifiche del paziente. Consultare sempre un dentista per prendere la decisione più informata.

 

Come si confronta la durabilità delle strutture del telaio in zirconio, compreso il rivestimento estetico, con le corone in porcellana fusa su metallo?

 

La zirconio e la porcellana fusa su metallo (PFM) sono materiali comuni utilizzati nei restauri dentali, ciascuno con le sue proprietà uniche in termini di durata e longevità.

 

Zirconia:

La zirconio è nota per la sua elevata resistenza e resistenza alla frattura, che la rendono un'opzione duratura per i restauri dentali. Questa forza ha portato a un maggiore utilizzo di restauri monolitici in zirconia, realizzati interamente in zirconia senza la necessità di rivestimento in porcellana.

Quando la zirconia viene utilizzata come struttura con un rivestimento in porcellana (simile alle PFM), possono esserci rischi associati alla scheggiatura o alla frattura della porcellana del rivestimento. Tuttavia, i progressi nella scienza dei materiali hanno portato allo sviluppo di zirconia ad alta traslucenza, che può essere utilizzata monoliticamente, eliminando la necessità di un rivestimento e, quindi, il rischio di frattura del rivestimento.

 

Corone in porcellana fusa su metallo (PFM):

Le corone PFM hanno una lunga storia con un track record ben documentato di durabilità e longevità. La sottostruttura metallica garantisce un'elevata resistenza e la porcellana fusa conferisce alla corona l'aspetto simile a un dente.

Tuttavia, i PFM presentano potenziali problemi. Il rivestimento in porcellana può scheggiarsi o fratturarsi e, sebbene la sottostruttura metallica offra resistenza, può anche arrugginirsi nel tempo.

 

Confronto:

Sia le corone in zirconio che quelle in PFM sono state utilizzate con successo nei restauri dentali a lungo termine. Tuttavia, entrambi i tipi di restauri comportano il rischio di scheggiatura o frattura del rivestimento. Le corone monolitiche in zirconio eliminano questo rischio eliminando del tutto la necessità di un rivestimento.

Entrambi i materiali possono causare usura sui denti opposti se la superficie del restauro non è adeguatamente lucidata o smaltata. Alcune ricerche suggeriscono che la zirconia può causare una maggiore usura sullo smalto opposto rispetto alla PFM, ma questo è ancora argomento di dibattito in corso.

Nel complesso, sia la zirconia che i PFM offrono una buona durabilità per i restauri dentali. La scelta tra i due dipende spesso da una varietà di fattori, tra cui la posizione del restauro, le preferenze del paziente, considerazioni sui costi e l'esperienza e le preferenze del dentista. È sempre meglio consultare un professionista dentale per determinare la scelta più adatta per ogni caso.


Come si confrontano i costi con la ceramica metallica?

Il costo dei restauri dentali può variare in modo significativo in base a diversi fattori, tra cui il materiale utilizzato, la complessità del restauro, le spese del dentista, le spese del laboratorio e le differenze regionali nei costi dei servizi dentistici. Ecco un confronto generale tra i costi dei restauri in zirconio e metallo-ceramica:

 

Restauri in zirconio:

I restauri in zirconio tendono ad essere più costosi dei restauri in metallo-ceramica a causa di diversi fattori:

Costi dei materiali: la zirconio è un materiale più costoso rispetto alla metallo-ceramica.

Costi di laboratorio: La realizzazione di restauri in zirconio implica processi CAD/CAM ad alta tecnologia, che possono aumentare i costi di laboratorio.

Longevità e durata: sebbene inizialmente più costosi, i restauri in zirconio possono offrire un migliore valore a lungo termine grazie alla loro resistenza, durata e qualità estetiche.


Restauri metallo-ceramici (porcellana fusa su metallo o PFM):

I restauri in metallo-ceramica generalmente sono meno costosi dei restauri in zirconio, a causa di:

Costi dei materiali: i materiali utilizzati nei restauri in metallo-ceramica, pur fornendo una buona resistenza ed estetica, sono in genere meno costosi della zirconia.

Costi di laboratorio: il processo di fabbricazione dei restauri PFM è ben consolidato e generalmente meno costoso, sebbene richieda comunque tecnici qualificati per ottenere i migliori risultati.

Popolarità: i PFM sono una scelta popolare da molti anni e questo volume ha contribuito a mantenere i costi più bassi.

Tuttavia, andrebbe considerata anche la possibilità di costi aggiuntivi in ​​futuro (come la necessità di sostituzione a causa di scheggiature della porcellana o problemi estetici).

 

In conclusione, anche se i restauri in zirconio in genere costano di più rispetto ai restauri in metallo-ceramica, la scelta tra i due non dovrebbe essere fatta esclusivamente in base al costo. Dovrebbero essere considerati anche altri fattori, come i requisiti estetici, la posizione del restauro, le preferenze del paziente e il piano di trattamento complessivo. Consultare sempre un dentista per discutere le migliori opzioni per le vostre esigenze specifiche.


Finalmente: domande frequenti


Q1: È possibile la zirconia totale?
  • Gli esperti tra gli odontotecnici sono in grado di realizzare costruzioni di protesi dentali convenzionalmente a base di metalli preziosi in zirconio.

  • A questo proposito Yucera ha sviluppato Yucera Zirconia ad alta traslucenza e una tecnologia di colorazione appositamente coordinata con essa. In questo modo è possibile realizzare restauri completi in zirconio esteticamente attraenti.

  • Q2: Perché i ponti possono rompersi?
  • Scarsa igiene orale: una pulizia non adeguata dei denti e delle gengive può portare a carie e malattie gengivali, che possono compromettere il supporto del ponte dentale.

  • Trauma fisico: incidenti o lesioni possono danneggiare il ponte, provocandone la rottura. Anche abitudini come digrignare o stringere i denti possono stressare il ponte e provocarne la rottura.

  • Usura: con il tempo, i materiali utilizzati per il ponte possono usurarsi o indebolirsi, rendendolo più suscettibile alla rottura.

  • Costruzione o posizionamento inadeguati: se il ponte non è ben costruito o posizionato in modo errato, potrebbe non adattarsi correttamente o non distribuire uniformemente la forza del morso. Ciò può causare la rottura o il cedimento prematuro del ponte.

  • Problemi dentali sottostanti: se i denti che sostengono il ponte sviluppano problemi come carie o malattia parodontale, possono compromettere la stabilità del ponte, portando alla rottura.

  • Dieta: il consumo di cibi duri o appiccicosi può esercitare una pressione eccessiva sul ponte, provocandone la rottura o l'allentamento.

  • Q3: Sono possibili protesi dentarie rimovibili?
  • Sì, le protesi dentali rimovibili sono una soluzione comune per sostituire i denti mancanti. Possono essere estratti per la pulizia regolare. Alcuni tipi sono:

  • Le protesi sono comuni protesi rimovibili che sostituiscono alcuni denti (parziali) o tutti (completi). Hanno denti artificiali su una base color gomma.

  • Overdenture: protesi che si adattano ai denti rimanenti, agli impianti o alle radici per un supporto extra.

  • Pinne dentali: protesi temporanee che sostituiscono uno o due denti in attesa di una soluzione definitiva.

  • Ponti rimovibili: simili ai ponti normali, ma possono essere rimossi per la pulizia.

  • Sebbene le protesi rimovibili siano flessibili e spesso più economiche, potrebbero non avere la stabilità o la sensazione naturale delle opzioni permanenti. La scelta migliore dipende dalle esigenze e dalle circostanze individuali e dovrebbe essere discussa con un dentista.

  • Q4: Quanto dura la zirconia?
  • La zirconia, un materiale altamente durevole spesso utilizzato nei restauri dentali come corone e ponti, può durare molto a lungo con la cura adeguata. In media, i restauri in zirconio possono durare dai 5 ai 15 anni e, in alcuni casi, anche di più.

  • La durata dei restauri in zirconio dipende da diversi fattori, tra cui le pratiche di igiene orale del paziente, la precisione dell'adattamento e la dieta e le abitudini del paziente (come il digrignamento dei denti). Controlli dentistici regolari e una buona igiene orale sono fondamentali per prolungare la durata dei restauri in zirconio.

  • Q5: Qual è il prezzo dei denti in zirconio?

Il costo dei denti in zirconio può variare ampiamente in base a diversi fattori, tra cui il tipo di restauro (come una corona, un ponte o un impianto), la complessità della procedura, l'esperienza del dentista e la posizione geografica.

  • In media, le corone in zirconio possono variare da $ 500 a $ 3.000 per dente. I ponti e gli impianti in zirconio in genere costano di più a causa del lavoro aggiuntivo e dei materiali coinvolti.

  • È importante notare che molti piani assicurativi dentistici possono coprire una parte di questi costi. Pertanto, si consiglia di verificare con il proprio fornitore per capire cosa copre la polizza. Inoltre, i prezzi possono variare, quindi è meglio consultare il proprio dentista o specialista dentale per ottenere un preventivo accurato.

Q6: La zirconio è radioattiva?

Sebbene la zirconia, come molti altri materiali naturali, possa contenere tracce di isotopi radioattivi presenti in natura, la zirconia utilizzata nei restauri dentali viene accuratamente lavorata e purificata. Ciò garantisce che qualsiasi potenziale radioattività sia ridotta a livelli trascurabili considerati sicuri per l'uso nel corpo umano.

L'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) ha stabilito rigorosi standard di sicurezza per i livelli consentiti di radioattività nella zirconia e in altri materiali utilizzati in applicazioni mediche e dentistiche. I produttori di zirconia dentale devono aderire a questi standard per garantire la sicurezza dei loro prodotti.

In conclusione, mentre la zirconia grezza può contenere tracce di elementi radioattivi, la zirconia utilizzata nei restauri dentali non è considerata radioattiva ed è sicura per l'uso.


D7: Che dimensioni hanno i blocchi di zirconio Cerec?

I blocchi CEREC Zirconia sono disponibili in diverse dimensioni per soddisfare le diverse esigenze di restauro dentale. Le dimensioni più comuni per questi blocchi sono:

14,5 x 19 x 15,5 mm: questa dimensione viene generalmente utilizzata per corone singole o piccoli ponti.

  • 20 x 19 x 15,5 mm: questa dimensione viene spesso utilizzata per restauri più grandi, come i ponti a più unità.

    40 x 19 x 15,5 mm: questa dimensione viene utilizzata per restauri più grandi o multipli in un unico processo di fresatura.

    Le dimensioni esatte possono variare leggermente, quindi è sempre importante controllare le specifiche del particolare blocco di zirconio che stai utilizzando. Assicurarsi sempre che la dimensione del blocchetto sia adeguata al restauro da fresare per garantire un risultato positivo.


Informazioni di base
  • Anno stabilito
    --
  • tipo di affari
    --
  • Paese / regione
    --
  • Industria principale
    --
  • Prodotti Principali
    --
  • Persona giuridica aziendale
    --
  • Dipendenti totali
    --
  • Valore di uscita annuale
    --
  • Mercato delle esportazioni
    --
  • Clienti collaborati
    --

Invia la tua richiesta

Scegli una lingua diversa
English
Қазақ Тілі
ქართველი
עִברִית
Ελληνικά
dansk
български
русский
italiano
français
Español
Deutsch
العربية
Lingua corrente:italiano